La superiore resistenza al fuoco delle valvole Penta

Nel 2014 è scoppiato un incendio in una delle principali Raffinerie d'Italia. Le nostre valvole sono state esposte per 20 minuti al fuoco a temperature superiori a +650 °C. Hanno continuato a lavorare ed erano ancora azionabili manualmente senza perdite esterne quando l'incendio è stato spento. Le valvole sono state esposte a condizioni simili, o addirittura superiori, a quelle utilizzate per un test antincendio. Tutte le nostre valvole sono testate o progettate per la sicurezza antincendio. Infatti tutte le valvole Penta sono progettate senza materiali polimerici o o-ring in PTFE.

A seguito di questa esperienza abbiamo deciso di confrontare la resistenza al fuoco dei diversi materiali del corpo delle valvole Penta.

Abbiamo testato due valvole modello SAT TRUNNION, una con corpo in acciaio al carbonio (ASTM A105) e una con corpo in acciaio inossidabile (A182 F316), secondo API607 7a Ed., API 6FA 5° Ed. e ISO 10497 2010. La temperatura massima raggiunta sul corpo è stata di 750°C mentre le valvole hanno funzionato per 30 minuti e, dopo il raffreddamento, sono state testate a 32 Mpa. Entrambi i materiali hanno mostrato ZERO perdite.

Le valvole erano azionabili in tutte le condizioni di temperatura e lo scarico automatico delle sovrapressioni delle cavità corporee era immediato.

I risultati confermano il design superiore dei prodotti Penta Srl per servizi ad alte temperature grazie alle specifiche soluzioni costruttive e alla qualità nella loro realizzazione.

I risultati sono stati certificati TUV.